AccessibilitàAccessibilitàAccessibilità Progetto SISC
IL COMUNE

Ricerca

Ricerca Avanzata










Comunicati Stampa



Data Comunicato 14/09/2018
Titolo IL CONSIGLIO COMUNALE: “L’ASP ANNULLI LA DELIBERA CHE DECLASSA LA CHIRURGIA DEL NOSTRO OSPEDALE”
Testo
BRONTE – (14 settembre 2018) – Il Consiglio comunale di Bronte all’unanimità chiede all’Asp 3 di Catania di annullare in autotutela la delibera che declassa l’Unità operative di Chirurgia dell’ospedale da Complessa a dipartimentale.
Secondo quando ci ha confermato l’Asp, una Unità operativa complessa conta sulla guida e sulle prestazioni di un primario, mentre quella Dipartimentale non ha il primario, ma solo un responsabile medico.
Per questo i consiglieri Antonio Leanza e Valeria Franco, hanno presentato la richiesta di revoca della delibera: “L’Asp 3  - afferma il consigliere Leanza – non poteva declassare l’Unità operativa di chirurgia. In ogni caso il decreto 629 nei confronti del presidio ospedalieri di Bronte prevedeva una Unità operativa complessa. Per questo chiediamo che il Comune ponga in essere ogni azione, forte e corale, nei confronti dell’Assessorato regionale alla Salute e del direttore generale dell’Asp, a difesa del Presidio ospedaliero di Bronte e, nello specifico, affinché richieda che venga rivotata in autotutela la delibera dell’Asp n. 3124 che declassa la chirurgia di Bronte in una Unità dipartimentale semplice”.
Ad alimentare il dibatto gli interventi dei consiglieri Valeria Franco, Angelica Catania, Massimo Castiglione, Samanta Longhitano e Rosario Liuzzo, con i consiglieri che sorreggono l’Amministrazione del sindaco Graziano Calanna che hanno dichiarato di volere approvare la proposta.   
“Io ringrazio – infatti ha affermato il sindaco in Consiglio comunale - i proponenti dell’ordine del giorno per permetterci di ripetere in Consiglio una questione così importante, che i sindaci hanno già trattato a lungo nelle sedi competenti. Abbiamo mostrato soddisfazione di fronte al nuovo piano perché è stato scongiurato il rischio che il nostro ospedale morisse del tutto. Sappiamo però che questo ha delle criticità che abbiamo già contestato. Ci siamo incontrati – ha continuato - con il vertice dell’Asp il 20 agosto ed altre volte abbiamo parlato informalmente. Vi assicuro – continua - che continueremo a batterci. Non credo – ha concluso - nella legittimità della richiesta di revoca della delibera, purtuttavia, poiché questa rafforza la nostra azione, sono pronto ad inviarla alla Regione”.
Alla fine il Consiglio ha approvato all’unanimità. Adesso il Comune invierà all’Asp la richiesta. Nulla di strano che questo diventi oggetto di dibattito in occasione dell’incontro fra Comune e Asp che il sindaco Calanna ha già chiesto per l’organizzazione del nuovo Pronto soccorso.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
 
Data Comunicato 14/09/2018
Titolo CALANNA: “A FINE ANNO BANDO SS 284? TROPPI RINVII. BUROCAZIA LENTA E PENALIZZANTE”
Testo
BRONTE – (14 settembre 2018) – Il fatto che l’impegno sia stato assunto dai vertici dell’Anas a Roma di fronte al presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci ed all’assessore regionale alle Infrastrutture, Marco Falcone, ci fa ipotizzare che questa volta sia quella buona. Altre volte in passato la pubblicazione del bando di gara per il secondo lotto del tratto Bronte Adrano della Ss 284 è stato annunciato come imminente, senza che poi accadesse nulla.
Si è parlato della pubblicazione bando nel novembre e nell’aprile scorsi. Lo stesso sindaco di Bronte, Graziano Calanna, chiedendo lumi ai vertici dell’assessorato regionale alle Infrastrutture e Trasporti della Regione siciliana aveva avuto rassicurazioni sul fatto che entro aprile 2018 il bando di gara sarebbe stato pubblicato: “Invece – spiega Calanna – aprile è passato senza che nulla accadesse e senza ottenere altre informazioni. Adesso il fatto che l’Anas si pronunci ci fa certamente piacere. Certo avrei preferito una data certa, invece della solita frase entro la fine dell’anno, ma speriamo comunque”.
Poi Calanna ci spiega: “Per una zona interna come la nostra, ma dal grande potenziale economico, la viabilità è troppo importante. Accelerare e rendere più agevole il transito da e verso Bronte vuol dire favorire il turismo e dare una mano alle nostre aziende, penalizzate da una viabilità antiquata verso le grandi vie di comunicazione. Lo diciamo sempre, eppure la burocrazia continua ad essere lenta. In altre parti d’Italia costruiscono le terze o le quarte corsie, noi ancora dobbiamo ammodernare quelle costruite ai tempi dei Borboni”.
Ma vediamo che tipo di intervento effettuerà l’Anas.  I lavori riguardano appena 4 chilometri dal 26 al 30 per un costo di quasi 66 milioni di euro, dei quali 54 finanziati mediante l’Apq (Accordo di Programma Quadro rafforzato) con la Regione Siciliana.
La nuova carreggiata, quasi interamente in variante rispetto al tracciato attuale, presenterà due corsie, una per senso di marcia, con larghezza complessiva della piattaforma stradale pari a 10,50 metri.
Saranno realizzate due gallerie artificiali, lunghe 42 e 92 metri, e due viadotti, lunghi 180 e 200 metri. Aggiudicati i lavori avrà a disposizione 710 giorni per completarli.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 07/09/2018
Titolo NON SOLO PISTACCHIO, BRONTE ANCHE CITTÀ PER I BAMBINI
Testo
BRONTE – (7 settembre 2018) – Bronte è per antonomasia la città del pistacchio e della cultura. Adesso punta a diventare anche la città per i bambini, con un’area gioco fra le più grandi della Provincia.
Il sindaco, Graziano Calanna, ha fatto preparare all’Ufficio tecnico del Comune i progetti per realizzare due nuove aree da riempire con giochi per i bambini e ristrutturare tutti i parchi gioco già esistenti nella Città.
Le nuove aree destinate a dare sfogo alla voglia di divertirsi dei più piccoli sono il parco di Viale Cavalieri di Vittorio Veneto e piazza Saitta, nel popoloso quartiere Sciarotta, mentre in piazza Aldo Moro, nel Parco Urbano dietro le scuole medie ed in via Rosario Livatino nel quartiere Borgonuovo, le aree gioco già esistenti verranno tutte ristrutturate, conferendo a tutti gli impianti le certificazioni di sicurezza.
A guardare il progetto si capisce che verranno istallati scivoli, altalene, piccole palestre per bambini, dondoli e quant’altro l’industria ludica è in grado di realizzare.
“Nel Parco di viale Cavalieri di Vittorio Veneto che tutti chiamano Parco Primavera – ci dice l’assessore Ernesto Di Francesco che ha seguito la redazione del progetto – realizzeremo l’area gioco fra le più imponenti della Provincia. 400 metri quadrati tutti dedicati ai bambini con giochi fantastici. A Borgonuovo, inoltre, - conclude – oltre a ristrutturare quelli esistenti, ne realizzeremo altri accessibili ai bambini diversamente abili”.
Somma da investire circa 93 mila euro, che il Comune punta a ricavare dalla vendita dei lotti della zona artigianale.
Il perché investire in aree ludiche lo spiega il sindaco Graziano Calanna: “Intanto – afferma - diamo valore ed intesse al Parco Primavera, un polmone verde bellissimo che sarà anche più facilmente fruibile appena riusciremo a realizzare l’accesso da via Umberto. Poi – continua - che le citta debbano essere a misura di bambino ritengo sia un dovere di ogni sindaco. Ed affinché lo siano realmente devono avere aree giochi accoglienti, accessibili a tutti, stimolanti per bambini di diverse fasce di età, accattivanti in modo tale che il bambino insista con i genitori per essere portato all’aperto e preferisca ad uno smartphone. I parchi gioco – conclude - devono far divertire i bambini, ma allo stesso tempo conferire serenità ai genitori che sanno di accompagnare i propri figli in un’area che deve essere sempre pulita, accogliente e soprattutto sicura”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 07/09/2018
Titolo CALANNA AI PRESIDI: “AGLI STUDENTI FACCIAMO CAPIRE L’IMPORTANZA DI RISPETTARE L’AMBIENTE”
Testo
BRONTE – (7 settembre 2018) – “Facciamo capire ed apprezzare ai ragazzi la necessità del rispetto dell’ambiente e della partecipazione civica”.
E’ la “mission” che il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, e l’assessore alla Politiche scolastiche, Chetti Liuzzo, hanno affidato ai dirigenti scolastici degli istituti di ogni ordine e grado di Bronte.
Si è svolta, infatti, nella sala della Giunta del Palazzo municipale, il tradizionale incontro fra l’Amministrazione comunale ed il mondo della scuola. Un vertice che serve per ottimizzare i servizi necessari per un ottimale inizio dell’anno scolastico, ma anche ad approfondire temi di interesse comune.
“Insieme con l’assessore Liuzzo che ringrazio – afferma il primo cittadino – abbiamo proposto ai dirigenti di inserire nei rispettivi Piani dell’offerta formativa una materie o giornate di studio che sensibilizzino al rispetto dell’ambiente. E quando si parla di ambiente si deve per forza suggerire di fare bene la raccolta differenziata”.
Inoltre il sindaco ha informato i dirigenti sulla volontà dell’Amministrazione comunale ad invitare le scuole ad eleggere baby sindaco e baby Consiglio comunale: “Principalmente – spiega Calanna - perché considero preziosi i suggerimenti che possono venire dai più giovani. Poi perché è giusto far loro vivere l’esperienza diretta della democrazia”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 05/09/2018
Titolo NECROLOGIO
Testo Il Sindaco, Avv. Graziano Calanna, il Presidente del Consiglio comunale, Nino Galati, la Giunta municipale e l’Assemblea consiliare tutta si uniscono al dolore dei familiari per la perdita dell’
Avv. Antonino Meli
 
equilibrato ed imparziale Giudice di pace dell’ex Tribunale di Bronte.
 
Bronte, 5 settembre 2018
Data Comunicato 29/08/2018
Titolo FINANZIATO IL RESTAURO DELLA CHIESA DI SAN VITO
Testo
BRONTE – (29 AGOSTO 2018) – Bronte brinda per l’arrivo di un nuovo finanziamento.
Dopo aver firmato decreti di finanziamenti per la ristrutturazione della Chiesa del Rosario e del Polo sportivo, la Regione siciliana ha finanziato il restauro di un’altra chiesa di Bronte.
L’Assessorato delle Infrastrutture, infatti, attraverso i fondi del Patto per il sud, ha finanziato 799 mila euro per restaurare la chiesa di San Vito.
Si tratta della Chiesa che fa parte dell’omonimo convento che si affaccia sulla piazza dove nel 1860 Nino Bixio fece fucilare 5 brontesi per reprimere la rivolta conosciuta dalla storia risorgimentale come “I fatti di Bronte”.
Anche per questo motivo per Bronte l’intero convento ricopre una certa importanza.
A richiedere alla Regione il finanziamento sono stati i “Frati Minori osservanti dell'Ordine di San Francesco” che solo in extremis hanno recuperato le somme. A seguito del sovrapporsi di diverse norme, infatti, la Regione siciliana ha deciso di non pagare più la progettazione per alcuni progetti inseriti nel “Patto”. E fra questi proprio quello della Chiesa di San Vito. Per i Frati quasi impossibile reperire le somme necessarie per pagare il progetto e solo le frenetiche trattative fra il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, insieme al geometra Gino Pinzone, particolarmente legato alla chiesa di San Vito ed alla storia che racconta, con l’Ente morale dei Frati e la Regione siciliana, ha convinto i Frati a liberare la Regione dal costo della progettazione, consentendole di proseguire nell’iter per l’approvazione del finanziamento.
Ieri il giorno più bello. L’architetto Sergio Girardi, dirigente responsabile del Servizio 7 dell’Assessorato delle Infrastrutture, ha firmato il decreto di finanziamento.   
“Ancora una volta – afferma il sindaco Graziano Calanna – abbiamo un occasione per festeggiare. Lo abbiamo fatto spesso in questi mesi grazie ad altri finanziamenti ottenuti. In questa vicenda è doveroso ringraziare i Frati che hanno dimostrato generosità e amore verso la storia di Bronte, che proprio da San Vito narra una delle sue pagine più importanti. Ringrazio anche la mia Giunta ed i consiglieri della mia maggioranza per il lavoro sinergico  che ci permette di raggiugere questo e tanti altri risultati. Stiamo, infatti, raccogliendo i frutti di un grande lavoro. Se penso ai finanziamenti per le 2 chiese, al Polo sportivo, ma anche ai cantieri di lavoro, all’asilo Puccini ed al cimitero, penso proprio che nel 2019 Bronte si trasformerà in un grande cantiere”.  
E con gli 799 mila euro si dovrà totalmente rifare il tetto, eliminare le infiltrazioni, rifare la pavimentazione ed effettuare operazioni di restauro conservativo nel rispetto dei dettami della Soprintendenza.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 07/08/2018
Titolo INCIDENTE MORTALE IN VIALE KENNEDY - CALANNA PROCLAMA IL LUTTO CITTADINO
Testo
BRONTE – (7 AGOSTO 2018) – A seguito del tragico incidente mortale avvenuto ieri in viale Kennedy, il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, ha proclamato oggi un giorno di lutto cittadino.
“L’incidente mortale – si legge nel decreto firmato dal Primo cittadino -  ha provocato un profondo turbamento nell’intera Comunità. Ed in segno di profondo rispetto e vicinanza, l’Amministrazione comunale si stringe attorno ai familiari e partecipa al loro grande dolore, decretando la proclamazione del lutto cittadino in segno di cordoglio per le Vite tragicamente e prematuramente spezzate”.
Il decreto prevede che tutti i commercianti abbassino le serrande di tutti gli esercizi commerciali, delle imprese e delle attività artigiane in concomitanza con la cerimonia funebre, oltre all’esposizione delle bandiere a mezz’asta sugli edifici pubblici.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 04/08/2018
Titolo “SEZIONI PRIMAVERA” A BRONTE
Testo
BRONTE – (4 AGOSTO 2018) – Bronte si arricchisce di un nuovo servizio a favore dei più piccini e dei loro genitori. L’Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Graziano Calanna, usufruendo dei fondi del Ministero dell'Interno, ha deciso di attivare due “Sezioni primavera”.
Si tratta di un servizio socio educativo, rivolto ai bambini tra i 24 ed i 36 mesi di età progettato come un asilo Nido, con le educatrici, il personale ausiliario ed il servizio mensa.
Per questo il Comune di Bronte pubblicherà una gara d’appalto per affidare il servizio ad una figura giuridica che poi penserà ad assumere il personale necessario.
Una sezione di 15 bambini sarà attivata presso il secondo Circolo Didattico "Mazzini, plesso Sciarotta", mentre la seconda di 16 bambini sarà attivata presso il primo Circolo Didattico "Spedaleri”, nel plesso Guido Reni.
Le sezioni funzioneranno dal lunedì al venerdì, da settembre a giugno, come un normale calendario scolastico, ma avranno orari flessibili per venire incontro alle esigenze delle mamme.
Prevede attività ludico educative guidate, momenti di cura e igiene personale ed il servizio mensa.
“Sono veramente felice di essere riuscito ad istituire questo servizio. – ci dice il sindaco di Bronte, Graziano Calanna -  Ringrazio tutta la mia Giunta, il responsabile dei Servizi sociali del Comune, dott. Biagio Meli e l’assessore Chetti Liuzzo che ovviamente per questo progetto ci ha lavorato parecchio. Io considero le  Sezioni primavera delle classe speciali che offrono un servizio intermedio tra materna e asilo nido. Il servizio è totalmente gratuito, mensa inclusa, per le famiglie con Isee fino a 25 mila euro e una piccolissima compartecipazione per le altre”.
I genitori hanno tempo fino al 10 settembre per presentare all’Ufficio protocollo l’istanza già pubblicata sul sito internet del Comune.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 01/08/2018
Titolo GIUSEPPE DI MULO NOMINATO ASSESSORE
Testo
BRONTE – (1 AGOSTO 2018) – Cambio in Giunta a Bronte. Il sindaco Graziano Calanna ha nominato assessore il consigliere dei “Centristi per Bronte”, Giuseppe Di Mulo, che sostituirà Vittorio Triscari. Contemporaneamente il sindaco ha nominato esperto a titolo gratuito per la Sanità il consigliere Angelica Catania.
Giuseppe Di Mulo, 44 anni, assicuratore, sposato con una bambina è consigliere comunale da 2 consiliature.
Presenti alla cerimonia di nomina diverse autorità ed ex consiglieri.
“Ringrazio il sindaco per la fiducia. – ha affermato il neo assessore – Fra le deleghe che mi verranno affidate so di dovermi occupare di attività produttive, per ricreare la necessaria sinergia fra i commercianti e le istituzioni”.
“Auguro a Giuseppe Di Mulo ed Angelica Catania un buon lavoro – ha affermato il sindaco - e ringrazio anche Vittorio Triscari per il contributo fornito”.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 30/07/2018
Titolo NECROLOGI
Testo
Data Comunicato 28/07/2018
Titolo PRESTO IN CENTRO A BRONTE COLONNINE PER RICARICARE LE AUTO ELETTRICHE
Testo
BRONTE – (28 luglio 2018) – Bronte, primo passo per essere una “smart city”, ovvero una città che guarda all’innovazione dei servizi pubblici attraverso nuove tecnologie in grado di salvaguardare l’ambiente e migliorare la qualità della vita.
La Giunta municipale, guidata dal sindaco Graziano Calanna, infatti, ha approvato il protocollo d’intesa con “Enel X Mobility” per l’istallazione nel centro urbano di 3 colonnine per la ricarica dei veicoli elettrici.
“Con l’adesione al Patto dei Sindaci e la redazione del Paesc (Piano d’azione per l’energia sostenibile e il clima) – ha affermato il sindaco – questa Amministrazione ha chiaramente fatto intendere di voler attuare tutti quei progetti che ci permetteranno di ridurre l’utilizzo delle risorse fossili ai fini energetici. Del resto la stessa Commissione europea ha più volte invitato gli Stati ad ridurre le emissioni nocive nell’aria. E le auto di nei centri storici di emissioni nocive ne producono.
Certo – continua – magari da noi il problema non poi così sentito come nelle città, ma ritengo che sia dovere di qualsiasi amministrazione guardare al futuro e creare quelle condizioni di vantaggio per i cittadini. Per questo – continua – quando è arrivata la proposta di Enel X Mobility, ho prima riunito i miei tecnici, per verificare vantaggi e criticità del protocollo, e poi, rendendomi conto dei benefici che questo provoca, insieme ai miei assessori ho deciso di approvarlo”.
Ed il protocollo prevede che Enel provveda a proprie spese e cura ad individuare insieme con il Comune le aree del centro urbano dove è possibile istallare le stazioni di ricarica per veicoli elettrici, progettarle, ottenere tutte le autorizzazioni necessarie e provvedere poi allo loro manutenzione e funzionamento. Il Comune, invece, dovrà mettere a disposizione il suolo necessario.
Il protocollo ha una durata di 8 anni, ma se dovesse subentrare un fatto imprevedibile o una legge il Comune può chiedere la rimozione delle stazione ed il ripristino dei luoghi.
“Prima o poi – conclude il sindaco – per il bene del nostro pianeta per muoverci utilizzeremo energie rinnovabili ed ecologiche. La diffusione dei veicoli elettrici è un traguardo che prima o poi si raggiungerà e noi vogliamo essere pronti”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 12/07/2018
Titolo APPROVATO BILANCIO DI PREVISIONE 2018/2020
Testo
BRONTE – (12 luglio 2018) – Il Consiglio comunale di Bronte, guidato dal presidente Nino Galati, ha approvato a maggioranza il bilancio di previsione 2018/2020. La seduta, (assenti i consiglieri del gruppo “Centristi per Bronte”, Angelica Catania e Giuseppe Di Mulo), ha visto l’Assemblea prima approvare il Documento Unico di Programmazione (12 favorevoli e 5 i contrari) e poi il Bilancio letto punto per punto su richiesta del consigliere Rosario Liuzzo.
“Amministriamo un Comune sano. – ha affermato il sindaco Graziano Calanna -  Nonostante tagli per 3 milioni di euro garantiamo ugualmente servizi come la mensa scolastica ed aiutiamo i più deboli. Tanti gli investimenti in programma come i parchi giochi per bambini, il nuovo ingresso del parco via Vittorio Veneto, i servizi igienici al mercato e di fronte la pinacoteca. Inoltre intendiamo far produrre gli impianti fotovoltaici sparsi per la città, informatizzare l'Ufficio tecnico comunale, riqualificazione campetto via Omero e garantire efficientemente energetico. Poi c’è molto altro. Non c’è misura cui non partecipiamo, grazie ad una squadra di esperti guidata dal vice sindaco Gaetano Messina”.
“Buoni i propositi – ha affermato Carlo Castiglione - ma quella raccontata mi sembra una favola. Questo bilancio non permette queste realizzazioni. Le entrate sono tutte da verificare. Pochi fondi per giovani e società sportiva. Voto contrario”.
“Siamo all’opposizione, – ha affermato Maria De Luca – ma non ci sentiamo di abbandonare i cittadini. Semmai, come abbiamo fatto, proponiamo emendamenti. Quindi approviamo”.
“Anch’io – ha aggiunto Antonio Leanza - pur essendo all’opposizione ritengo che il bilancio si debba approvare nei tempi previsti. C’è un'apertura di credito per tutto quello che si ritiene di fare. Per questo – ha concluso - mi astengo”.
“La progettazione illustrata è ambiziosa – ha spiegato Valeria Franco - ma è incerta la sua sostenibilità. Mi astengo”.
“Alcune cose mi convincono, altre no – ha affermato Massimo Castiglione - Ma gli imprenditori ed i dipendenti aspettano questo bilancio e quindi lo voto favorevolmente”.
E se Angelica Prestianni ha dichiarato di volersi astenere, Gaetano Messina ha annunciato il voto favorevolmente esattamente come Salvino Luca che ha affermato “Sono soddisfatto. Senza tante risorse si sta facendo tanto”. Favorevole anche Antonio Petronaci: Questo – ha affermato - è un bilancio sano e non prevede aumenti di tasse per i cittadini”.
Contrario invece Rosario Liuzzo: “Questo bilancio – ha dichiarato - è frutto di un lavoro tecnico, manca la fase politica”.
Alla fine 11 favorevoli, 2 contrari e 3 astenuti.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 07/07/2018
Titolo RETE FOGNARIA IN CONTRADA SERRA: INIZIANO I LAVORI
Testo
BRONTE – (7 luglio 2018) – Questa è una data storica per contrada Serra, la ridente frazione del Comune di Bronte, sita qualche chilometro a valle del centro storico sulle sponde del fiume Simeto.
Sono iniziati, infatti, i lavori di realizzazione delle rete fognaria e delle speciali vasche che permetterà alla “Eco tras”, la società che presentato il progetto e che si è aggiudicato i lavori con il sistema del Project financing, di prelevare i reflui e portarli nel  depuratore di Bronte.
Da sempre, infatti, gli scarichi dei residenti finiscono nei cosi detti “pozzi neri”, con tutte le difficoltà ed il disagio che questo comporta non solo per le famiglie, ma anche per l’ambiente, visto che a due passi scorre il fiume.
Per questo l’Amministrazione comunale, guidata dal sindaco, Graziano Calanna, ha fatto il possibile per accelerare l’iter di approvazione del progetto presentato, ed oggi la società ha preso possesso del cantiere alla presenza del sindaco Graziano Calanna.
“Per questo progetto il lavoro e l’impegno sono stati tanti. – afferma subito il primo cittadino – Oggi però possiamo dire di avercela fatta. E la giornata non è storica solo per i residenti di contrada Serra, ma per tutta la Città di Bronte. Contrada Serra, infatti, di Bronte è una delle zone più belle e chi vi risiede inseguiva questo progetto da circa 20 anni. Per questo non nascondo l’orgoglio e la soddisfazione di essere riuscito a colmare una inaccettabile lacuna. Per me – ribadisce - i residenti meritano un premio per la pazienza che hanno avuto in questi lunghi anni. Siamo riusciti a restituire loro quella dignità che meritano”.
Il costo dei lavori ammonta a 932 mila euro. Si realizzerà una funzionale rete fognaria i cui reflui saranno raccolti in delle speciali vasche e trasportati nel depuratore comunale, dove saranno trattati.
“Io – conclude il sindaco - ringrazio l’Ufficio tecnico del Comune ha dovuto ottenere il nulla osta da diversi enti fra cui l’Asp e dell’Arpa e tutti coloro che hanno lavorato per questo progetto. Ringrazio la mia squadra di assessori e consiglieri comunali, sempre fondamentale per raggiugere gli obbiettivi prefissati e fra questi anche gli ex assessori Francesco Bortiglio e Antonino Currao. Perché quello di oggi – conclude - è solo uno dei traguardi raggiunti per una Bronte che vogliamo sempre più al servizio di tutti, ripeto ed evidenzio di tutti i sui residenti”.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 01/07/2018
Titolo IL POLIVALENTE DI BRONTE INSERITO NEL BANDO REGIONALE PER L’EDILIZIA SCOLASTICA
Testo
BRONTE – (1 luglio 2018) – Tornano di colpo altissime le probabilità che a Bronte venga realizzato il nuovo istituto Polivalente, progettato da un tecnico brontese in contrada “Sciara S. Antonio” a pochi passi dall’Istituto commerciale e della Caserma dei carabinieri.
Il sindaco, Graziano Calanna, infatti, dopo una lunga interlocuzione con la Città metropolitana di Catania, è riuscito a convincere gli Uffici di via Nuovaluce ad inserire il progetto fra quelli finanziabili con il nuovo bando regionale sull’Edilizia scolastica.
E poiché questo bando regionale premia i progetti esecutivi, il Polivalente di Bronte, che è completo dal punto di vista progettuale, ha parecchie chance di essere finanziato.
“Ringrazio la Città metropolitana per aver accolto in nostro appello, – afferma più che soddisfatto il sindaco di Bronte, Graziano Calanna – la piena sinergia fra i loro ed i nostri Uffici ha consentito di superare ogni ostacolo, permettendoci di rispolverare un progetto che, si un tempo era stato inserito nel piano triennale delle opere pubbliche dell’ex Provincia regionale di Catania, ma che poi non è stato finanziato, venendo, inspiegabilmente dimenticato nei cassetti provinciali.
Invece – continua il primo cittadino – noi lo abbiamo rispolverato, perché non solo è utile per la cittadinanza brontese, ma sembra perfetto per essere finanziato dal bando regionale pubblicato dalla Regione”.
Per Calanna realizzare un istituto polivalente a Bronte è di fondamentale importanza: “Se non fosse così – ci spiega - non avremmo investito così tante energie per recuperarlo. Bronte, vantando diversi indirizzi di studio, concede ampia possibilità di scelta agli studenti delle scuole superiori. Molti dei nostri istituti però da decenni non sono in condizione di offrire aule e ambienti come la modernità impone, soprattutto riguardo al sicurezza. Il Collegio Capizzi, per esempio, vero è che per tutti noi è il tempio della cultura ed del sapere di questa Città, ma non può ospitare laboratori, aule mensa oppure una palestra. Ed allora abbiamo deciso di ripuntare con energia al finanziamento del Polivalente che sarà in grado di ospitare circa 30 aule per complessivamente 750 studenti.
Ringrazio – conclude – i tecnici che mi hanno sostenuto in questa battaglia. Mi riferisco in particolare al dott. Paolo Leanza, il progettista, ing. Lorenzo Capace ed il capo dell’Ufficio tecnico del Comune, ing. Salvatore Caudullo. Ma ringrazio anche il mio vice sindaco ed assessore ai Lavori pubblici, ing. Gaetano Messina e l’assessore Vittorio Triscari”. 
Il progetto è complesso ed ambizioso. Tanti ambienti a beneficio di aule ed uffici e nel rispetto di una moderna edilizia scolastica sono ampie e luminose, oltre a contemplare in se tutti criteri di sicurezza e di abbattimento delle barriere architettoniche previste dalle normative. Insomma è l’edificio scolastico perfetto per sostituire le aule vecchie degli Istituti di Bronte che sono di difficile e costoso adeguamento dal punto di vista sismico.
Per realizzare tutto questo ci vogliono 12 milioni di euro, ma, come detto, il progetto è esecutivo, ovvero ha ottenuto il si da parte di tutti gli enti. E questo, nella gara fra tutti i progetti che saranno presentati alla Regione che dovrà stilare una graduatoria, lo rende particolarmente competitivo.
“E noi – conclude Calanna – attendiamo con fiducia la graduatoria, per un finanziamento che oltre a garantire come sempre lavoro, ci permetterà di aggiungere un altro bel risultato per Bronte ed il mondo della scuola che, grazia all’impegno dell’Amministrazione ed all’efficienza degli uffici, ha già fatto arrivare diversi finanziamenti”.
Ma vediamolo questo progetto. E’ costituito da 4 corpi di fabbrica, a diverse elevazioni, che ospitano aule, uffici, l’aula magna e la palestra tutte collegate. Ad est della palestra è stata realizzata la sala mensa. Ogni aula è grande circa 50 metri quadrati, ma ce ne sono anche di circa 78. Spaziosa la palestra coperta, grande circa 672 metri quadrati, con la mensa che raggiunge i 400.
Il progetto prevede l’istallazione di impianti tecnologici all’avanguardia sul piano della sicurezza e del risparmio energetico, mentre l’intero complesso scolastico è stato realizzato tenendo conto delle norme sull’abbattimento delle barriere architettoniche, in modo da assicurare una ottimale fruizione  da parte dei diversamente abili.
Progettato sulla dura lava della parte nord - est dell’abitato ed il suo ingresso principale è previsto da via Polonia, proprio di fronte all’istituto Benedetto Radice, facendo così della contrada di  “Sciara Sant’Antonio” la contrada dell’Istruzione.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 20/06/2018
Titolo CONFERENZA STAMPA DI PRESENTAZIONE DELLO SPETTACOLO “MARE…POETI E NAVIGANTI”
Testo
BRONTE – (20 giugno 2018) – Il 23 Giugno alle ore 21 nella Storica Piazza Spedalieri a Bronte, sarà realizzato lo spettacolo di danza e teatro “Mare…Poeti e Naviganti”, per la regia e adattamento di Agostino De Angelis.
L’evento tratterà il tema del viaggio, sulla storia del Mediterraneo, dando risalto al forte legame che aveva la Sicilia con i popoli che si affacciavano in esso, sino ai giorni nostri.
Sin dai tempi di Omero, Itaca è il simbolo dell’angolo di cielo, in cui siamo nati, simbolo pieno di incertezze, ma alla fine sempre rassicurante. Da Itaca si parte e a Itaca si ritorna dopo un lungo viaggio, durante il quale nei porti - che sono i giorni della vita – si scambiano con altri viaggiatori, esperienze, nostalgia, speranze, emozioni; così accade da sempre, da quando il Mediterraneo ha preso vita.
In scena con lo stesso De Angelis, i giovani attori e studenti degli Istituti scolastici della cittadina, che interagiranno in mezzo al pubblico, con lettura di testi tratti da autori quali Verga, Baudelaire, Mallarmé, Kavafis, solo per citarne alcuni, con accompagnamento musicale dal vivo a cura di Melo Melardi e le coreografie dell’Accademia Balletto Siciliano di Bronte di Antonio Lombardo.
La storica piazza, con un apposito studio per il disegno luci, renderà ancor più suggestiva la performance, in cui saranno istallate le opere di scena dell’artista brontese Nino Leanza e l’esposizione di manufatti del Museo del Carretto Siciliano ”Gullotti”.
Importante la presenza in scena, con alcuni interventi sui popoli del Mediterraneo, dai tempi antichi fino ai giorni nostri, del dott. Marcello Tagliente poeta-archeologo.
Lo spettacolo, promosso dal Comune di Bronte, in collaborazione tra l’Accademia Balletto Siciliano di Bronte, l’Associazione Culturale ArchèoTheatron e il regista De Angelis, è stato inserito nel Progetto Nazionale di Promozione e Valorizzazione 2018 ideato dallo stesso regista, ed è strutturato come un percorso culturale che si avvale di arti performative di diverso genere, volto a valorizzare il patrimonio artistico nel quale si svolge, crescita e sviluppo sostenibile del territorio, promozione della cultura e del turismo, anche attraverso scambi culturali tra i diversi Comuni aderenti al progetto 2018, tra i quali solo per citarne alcuni: Gallipoli, Monza, Roma.
E domani, alle ore 10.30, nei locali della Pinacoteca “Nunzio Sciavarrello” di Bronte, si svolgerà la conferenza stampa di presentazione dell’evento. Saranno presenti il sindaco, Graziano Calanna e l’assessore Vittorio Triscari. Con loro il direttore della Rivista Archeologia Viva e di TourismA, Salone Internazionale di Archeologia e Turismo Culturale dott. Piero Pruneti, il regista Agostino De Angelis ed Antonio Lombardo.
“Il viaggio, le emozioni che condividiamo – ha affermato il dott. Marcello Tagliente – la sera dello spettacolo si immergeranno nella memoria del Mediterraneo, il mare che dà la vita e che raccoglie nel suo grembo, culture millenarie, cieli limpidi, stelle che hanno guidato e guidano la rotta degli uomini marinai: piccole e grandi storie di viaggi e di percorsi interiori sempre alla ricerca affannata di orizzonti aperti e della libertà del cuore. Il mare racchiude una e mille vite, che continuano a raccontarci i loro segreti.
Per millenni e sino a ieri dall’Italia, come da tante terre del Mediterraneo, da altri Sud del mondo, si partiva ciascuno con la sua valigia di sogni: viaggi spesso infranti prima di arrivare a riva, prima di raggiungere la terra dei sogni, ma queste sono storie che cerchiamo di cancellare, cicatrici che nascondiamo sotto abiti nuovi.
Anche da Lampedusa, isola di vento e di sale, dimenticata  più di qualsiasi isola, creatura dalla bellezza struggente, si partiva con il sogno delle Americhe.
Oggi al centro del Mediterraneo la mattanza non è di tonni, ma di angeli laceri, che cercano la salvezza proprio a Lampedusa e gli anziani dell’isola, cuore gentile di questa terra,  ricordano la quarantena ad Ellis Island, e poi gli inverni lunghi nelle Americhe, buio e solitudine senza fine, sempre con la speranza di tornare e accolgono tutti, figli dello stesso mare. Mai più drammi come quello della Siria. Ma un giorno il Mediterraneo tornerà ad essere mare di pace, madre amorevole, e sarà di primavera.  Tanti alberi di ulivo sulle rive del mare ad abbracciare e proteggere con i loro rami possenti lo straniero, radici di una nuova arca della speranza per la Grecia,  per la Turchia, per la Siria e per tutte le terre del Mediterraneo”.
“Bronte – ha commentato il sindaco Graziano Calanna - è fiera ed onorata di ospitare uno spettacolo dai contenuti cosi importanti. Un grazie al regista Agostino De Angelis e complimenti ai ragazzi studenti degli Istituti scolastici di Bronte che partecipano al progetto ed all’Accademia Balletto siciliano di Antonio Lombardo. Non dimentichiamolo mai. – ha concluso -  La Sicilia nei secoli è stata crocevia di molte civiltà. Per questo può essere considerata la culla della civiltà occidentale”.
“La Città attende di assistere allo spettacolo – conclude l’assessore Vittorio Triscari – che sono certo regalerà arte, suggestione ed emozione, all’interno di uno scenario particolare come quello della nostra piazza Spedalieri”.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 19/06/2018
Titolo CONSEGNATI AL SINDACO I DECRETI DI FINANZIAMENTO DELLA CHIESA DEL ROSARIO E DEL POLO SPORTIVO
Testo
BRONTE – (19 giugno 2018) – Missione a Palermo più che produttiva per la Città di Bronte. Il sindaco, Graziano Calanna, questa mattina, ha ricevuto personalmente dalle mani dei funzionari della Regione siciliana due importanti decreti di finanziamento che i cittadini di Bronte attendono da tempo.
Si tratta dei 797 mila euro necessari per la ristrutturazione della centralissima Chiesa del Rosario e del milione e mezzo di euro utili per riqualificare e rendere agibile il Polo sportivo di via Dalmazia.
Compressivamente 2 milioni e 297 mila euro che saranno anche ossigeno per l’economia brontese.
“È stata dura, ma ce l'abbiamo fatta! – ha commentato il sindaco Graziano Calanna appena uscito dagli uffici della Regione - Oggi i decreti di finanziamento della Chiesa del Rosario e del Polo sportivo di via Dalmazia sono realtà. È  con immensa gioia e altrettanta soddisfazione che annuncio di aver riturato presso l’Assessorato Infrastrutture e presso l'Assessorato al Turismo, entrambi i decreti di finanziamento per cui ci siamo tanto battuti. Il mio primo pensiero – poi continua - va a tutti i  miei Concittadini. Ringrazio tutti coloro che hanno lavorato a mio fianco, in questi 3 anni, per il raggiungimento di questi importanti obiettivi”.
Alla missione palermitana di Calanna ha partecipato pure il presidente del Consiglio comunale Nino Galati, anch’egli orgoglioso del risultato raggiunto: “Per la comunità di Bronte oggi è una bellissima giornata. – ha affermato – I cittadini aspettavano sia il finanziamento della Chiesa, sia quello del Polo sportivo che doveva necessariamente essere riqualificato”.
Presente a Palermo anche l’onorevole Anthony Barbagallo: “Oggi – ha aggiunto - si raccolgono i frutti di tanto lavoro. Con tre delibere delle Giunta regionale del 2016 e del 2017 sono state messe a finanziamento le 2 opere. Ricordo – continua – che nelle vesti di assessore al Turismo abbiamo recuperato il progetto del Polo sportivo. Del resto lo avevamo promesso ai brontesi in questi anni che mi ha visto particolarmente vicino all’amministrazione Calanna”.
Il progetto di ristrutturazione della Chiesa del Rosario prevede di irrobustire le strutture portanti dell’edificio di culto. Si interverrà per rendere stabili pilasti e pavimenti con particolare attenzione alla cupola, oggi considerata poco sicura. Quello del Polo sportivo di via Dalmazia, invece, prevede la ricostruzione dei servizi e degli spogliatoi, la riqualificazione di tutti gli impianti e la ristrutturazione delle tribune. Interventi anche nel Palazzetto dello sport e nei campi da tennis.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 08/06/2018
Titolo CALANNA: “SOLIDARIETA’ AL COMANDANTE AMENDOLIA”
Testo
BRONTE – (8 GIUGNO 2018) – A seguito dell’aggressione subita dal Luogotenente Giuseppe Amendolia, comandante della Stazione Carabinieri, il sindaco di Bronte, Graziano Calanna, esprime solidarietà all’Arma dei Carabinieri, inviando ai Mass media la seguente dichiarazione.  
 
 
“Al comandante Giuseppe Amendolia, ferito a causa di una vile aggressione subita nell’esercizio delle sue funzioni, esprimo la massima solidarietà a nome mio e di tutta la Comunità Brontese, augurandogli una pronta guarigione.
Purtroppo, quello che doveva essere un normale servizio di prevenzione, si è trasformato in un nuovo caso di aggressione ai danni delle Forze dell’Ordine, che offende una Città sempre pronta a ripudiare e condannare qualsiasi atto di violenza.
Ho già rivolto solidarietà anche al Comandante della Compagnia Carabinieri di Randazzo, assicurando vicinanza a tutta l’Arma.  
L’augurio che oggi posso auspicare e che la civilissima Bronte mai più debba subire e sopportare episodi intollerabili come questo nei confronti dei tutori dell’Ordine.
La violenza, oltre a non risolve mai niente, va fermata, denunciata e punita, al di là di chi sia l’autore, specie se perpetrata contro chi è a servizio dello Stato e si occupa della sicurezza dei Cittadini.
L’Amministrazione comunale, che mi onoro di rappresentare, conferma con forza e determinazione il proprio sostegno a favore di ogni iniziativa rivolta a garantire la sicurezza dei Cittadini ed il rispetto della legalità, affinché Bronte sia sempre un luogo sicuro e dignitoso per tutti”.
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
 
Data Comunicato 30/05/2018
Titolo RECUPERATO IL FINANZIAMENTO PER IL RESTAURO DELLA CHIESA DI SAN VITO
Testo
BRONTE – (30 maggio 2018) – Fra i tanti finanziamenti ottenuti con il Patto per il sud, la Città di Bronte ne recupera anche uno che credeva di aver perduto.
Si tratta degli 800 mila euro richiesti dai  “Frati Minori osservanti dell'Ordine di San Francesco” per il restauro e la ristrutturazione della Chiesa di San Vito, che necessita di urgenti lavori di ristrutturazione.
Credeva di averli perduti perché la Regione siciliana, a seguito del sovrapporsi di diverse norme, ha deciso di non pagare più la progettazione per alcuni progetti inseriti nel “Patto”. E su un progetto complessivo di 800 mila euro la cifra destinata alla progettazione e cospicua. Per questo, nonostante il progetto fosse già stato presentato da tanti anni, quasi nessuno ne ha parlato ed il finanziamento sembrava destinato ad essere perduto.
Questa chiesa però è troppo importante per Bronte e la sua storia. E’ la chiesa annessa all’omonimo convento che si affaccia sulla piazza dove nel 1860 Nino Bixio fece fucilare 5 brontesi per reprimere la rivolta conosciuta dalla storia risorgimentale come “I fatti di Bronte”. Per questo il sindaco, Graziano Calanna, insieme al geometra Gino Pinzone, particolarmente legato alla chiesa di San Vito ed alla storia che racconta, per giorni ha tessuto le trattative fra l’Ente morale dei Frati e la Regione siciliana, convincendo alla fine i Frati a liberare la Regione dal costo della progettazione e consentendole di proseguire nell’iter per l’approvazione del finanziamento: “Non solo io – afferma il sindaco Graziano Calanna – ma tutta la Città sono sicuro che sente di dover ringraziare i Frati per questo ennesimo atto di generosità. Si tratta di un vero dono verso i brontesi e di un segnale di amore verso la storia di Bronte, che proprio da San Vito narra una delle sue pagine più importanti.
Oggi – continua - raccogliamo un risultato che fino a qualche giorno fa sembrava difficile perché, se non avevo dubbi sulla disponibilità dei Frati, bisognava far dialogare l’Ente morale con l’Assessorato regionale. Alla fine, – conclude Calanna – grazie anche alla sinergia con i dirigenti della Regione che abbiamo raggiunto in questi anni di amministrazione, ci siamo riusciti”.
E con gli 800 mila euro si dovrà totalmente rifare il tetto, eliminare le infiltrazioni, rifare la pavimentazione ed effettuare operazioni di restauro conservativo nel rispetto dei dettami della Soprintendenza. “Queste somme – conclude Calanna – si aggiungono agli altri 800 mila euro per il restauro della Chiesa del Rosario. Speriamo di poter ottenere a giorni entrambi i decreti di finanziamento”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 30/05/2018
Titolo SEMINARIO A BRONTE: “IL COLLOQUIO NELLA RELAZIONE DI AIUTO”
Testo
BRONTE – (30 maggio 2018) – Si è svolto             questa mattina nella sala conferenze della Casa di riposo per Anziani “San Vincenzo De Paoli Padre Antonino Marcantonio” di Bronte il seminario “Il Colloquio nella relazione di aiuto”, rivolto agli assistenti sociali, ai psicologi, ai pedagogisti, agli insegnanti ed ai volontari.
A patrocinare l’iniziativa oltre alla Casa di Riposo, il Comune di Bronte e l’Ordine regionale degli Assistenti sociali.  Dopo i saluti del sindaco, Graziano Calanna, a relazionare sono stati il sacerdote Luigi Minio, psicoterapeuta, professore emerito di psicologia e presidente della Casa di riposo, la dottoressa Rosa Saitta, assistente sociale del Comune di Bronte, ed il vicepresidente dell’Ordine regionale Mariella Spoto. Presente anche il dott. Biagio Meli, responsabile dei Servizi sociali del Comune.  
“Argomento importante e delicato, esattamente come lo è il lavoro delle assistenti sociali. – ha affermato il sindaco – Bello sapere che Bronte è l’unico Comune dell’Etna ad organizzare questo seminario”.
“Il colloquio – ha spiegato la dottoressa Saitta - è il primo metodo del servizio sociale per aiutare. Attraverso chi chiede aiuto può capire il proprio problema ed individuare le soluzioni”.
“Il colloquio – ha aggiunto la dottoressa Spoto – è fondamentale per entrare in contatto con gli utenti ed individuare il percorso di aiuto”.
Particolarmente dotta la relazione di padre Minio: “La sede di questo seminario non è casuale – ha affermato -  i nostri anziani con i loro umori e le loro difficoltà rappresentano un valido banco di banco di prova per gli operatori assistenziali, impegnati ogni giorno a dare loro serenità”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 28/05/2018
Titolo FESTA DELLA CREATIVITA’ A BRONTE, FESTA DI GIOVENTU’ E COLORE
Testo
BRONTE – (28 maggio 2018) – Una vera esplosione di gioventù, gioia e colori. Tutto questo è stata la “Festa della creatività” di Bronte, organizzata dal Comune con la partecipazione di tutte le scuole di ogni ordine e grado.
Il grandissimo Parco di viale Vittorio veneto, infatti, per un giorno è diventato piccolo di fronte alla gioiosa ed entusiasmante ondata di gioventù che lo ha invaso.
Tante le espressioni artistiche e musicali messe in mostra dai ragazzi che hanno ballato, cantato e dato dimostrazione di estro ed arte.
Presentati da Antonio Azzarello, gli studenti del Benedetto Radice hanno realizzato fiori di carta per decorare le penne, catenine per tenere gli occhiali al collo, realizzato dei tutorial per imparare a truccare, collane in feltro, realizzato e disegnato abiti, ed infine fotografato e pitturato. Gli studenti del Liceo artistico, invece, hanno realizzato murales su pannelli di legno e tele e si sono cimentati pure nel body painting, ovvero l’arte che consiste nel dipingere il corpo umano a scopo ornamentale. I più piccoli della Scuola media hanno realizzato bellissimi aquiloni e gli scolari dei due Circoli didattici hanno aperto la manifestazione con delle apprezzate esibizioni artistiche, all’interno di  un evento che ha compreso tanta arte, musica e recitazione con l’esibizione delle bravissime “Bonsister” vincitrici della X edizione del “Tour music fest”, ma anche sketch teatrali sul bullismo, musica con il gruppo di Marco Belfiore, animazione con Gabriele Liuzzo e Andrea Ciraldo. Infine, tanto per non farsi mancare nulla, anche il Flash mob, ovvero il raduno di più persone convocate all'improvviso tramite internet, mail o sms e lo spettacolare Color party di chiusura, con le polveri colorate che hanno “variopinto” ogni cosa.
“Questa festa  – ha affermato l’assessore Chetti Liuzzo - è stata frutto di un’idea dei ragazzi che, insieme con noi, hanno vissuto tutte le fasi dell’organizzazione, prendendo coscienza degli impegni e delle responsabilità che bisogna assumersi per garantire qualità e sicurezza in una manifestazione del genere. Per questo oltre ad una festa è stato anche bellissimo momento formativo”.    
“Una vera esplosione di gioia – ha aggiunto il sindaco Graziano Calanna – in un parco che si è rivelato perfetto per l’occasione. L’obiettivo di far esprimere agli studenti le proprie emozioni attraverso i colori e l’arte è stato pienamente raggiunto. I ringraziamenti vanno agli Istituti scolastici e a tutti coloro che hanno lavorato per questa festa, senza ovviamente dimenticare i ragazzi, veri protagonisti”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 23/05/2018
Titolo VALERIA FRANCO (M5S): “SUL BILANCIO PARTECIPATIVO MAGGIORE COINVOLGIMENTO DEI CITTADINI COME AVEVAMO CHIESTO NOI”
Testo
BRONTE – (23 maggio 2018) – La nuova Legge regionale di stabilità propone novità sui criteri di coinvolgimento dei Cittadini nell’assegnazione delle risorse del Bilancio partecipativo. Così il consigliere comunale Valeria Franco del Movimento 5 Stelle ci ha inviato una nota che proponiamo integralmente:  
 
Le novità sul bilancio partecipato, frutto della legge regionale di stabilità 2018, danno finalmente ragione alle proposte del Movimento 5 Stelle di Bronte che, già un anno fa, attraverso Valeria Franco, portavoce nel Consiglio comunale, aveva richiesto di coinvolgere maggiormente i cittadini nell’utilizzo degli strumenti di democrazia partecipativa.
All’epoca, in occasione della elaborazione del regolamento comunale sul bilancio partecipato che prevede che nella valutazione dei progetti siano coinvolti solo la Giunta ed una parte del Consiglio comunale, gli emendamenti proposti dalla portavoce “pentastellata” erano stati bocciati in blocco dalla maggioranza di centro sinistra che guida la Città del pistacchio.
“Questa possiamo definirla una vittoria, e non solo nostra, ma soprattutto dei Cittadini brontesi che finalmente possono partecipare attivamente e senza finzioni alla gestione del proprio territorio, magari scegliendo anche progetti più innovativi anche se non in linea con il programma di questa amministrazione, ma pur sempre validi. Per questi motivi abbiamo presentato una richiesta di inserimento all’ordine del giorno del prossimo Consiglio comunale utile di un punto con il quale, se approvato, impegniamo l’Amministrazione ad adeguarsi il prima possibile alla legge per non incorrere nel rischio di perdere il finanziamento”.
La legge di Stabilità 2018 appena varata dalla Regione Siciliana, grazie agli emendamenti fatti approvare dalla deputata M5S Gianina Ciancio, ha inserito dei livelli minimi di garanzia riguardo il contributo dei cittadini nella partecipazione al bilancio comunale. Si tratta di modifiche che consentono un maggiore coinvolgimento dei cittadini nella definizione, nella valutazione e nella scelta dei progetti da finanziare attraverso gli strumenti della democrazia partecipativa. In particolare, si rende obbligatorio per i Comuni dotarsi di un regolamento comunale, ma, cosa più importante, non è più possibile prescindere dalla intervento diretto della cittadinanza nelle fasi di valutazione e scelta dei progetti da finanziare attraverso il bilancio partecipato.
Il bilancio partecipato è uno strumento che consente ad ogni cittadino di presentare un progetto affinché venga finanziato con la quota del 2% dei trasferimenti annuali che la Regione invia ai comuni siciliani. “Adesso tutte le fasi del procedimento, così chiarisce Gianina Ciancio, devono essere adeguatamente pubblicizzate sul sito istituzionale dell’Ente”.
 
Contemporaneamente si pubblica, così come ricevuta, la replica del Gruppo consiliare “Guardiamo avanti insieme” composto dai consiglieri Samanta Longhitano ed Antonio Petronaci:
 
“Il regolamento sul Bilancio partecipato attualmente vigente è frutto di un lavoro condiviso tra Uffici, Consiglieri di maggioranza e di opposizione, svolto nel corso di una Commissione consiliare appositamente convocata nel marzo 2017, alla quale, però, la portavoce del M5S era assente.
Furono i Consiglieri comunali presenti, di maggioranza e di opposizione, a proporre, tra gli altri, l'emendamento con il quale si stabilì che il tavolo tecnico per la valutazione dei progetti fosse composto da Sindaco, Presidente del Consiglio e da tutti i Capigruppo consiliari (art. 4); pertanto, non "solo da Giunta ed una parte del Consiglio comunale" come, invece, afferma il Consigliere Franco. 
Preme sottolineare che, alle sedute di valutazione dei progetti, il Sindaco ha scelto volutamente di non partecipare per mantenersi imparziale.
Durante la seduta di Consiglio del 03.05.2017, tredici Consiglieri comunali, di maggioranza e di opposizione, respinsero 4 dei 5 emendamenti presentati dal M5S, poiché  - per ragioni di opportunità sui costi - ricevettero il parere sfavorevole da parte degli Uffici competenti.
Gli emendamenti erano inammissibili, in quanto, stando alla circolare allora vigente, il bilancio partecipato era stato concepito come uno strumento di democrazia partecipata e non diretta. Il nostro obiettivo era, ed è tutt'ora, quello di finanziare progetti ideati e proposti dai Cittadini, ma senza gravare ulteriormente sulle casse dell'Ente, spendendo più per le consultazioni che per i progetti, come gli emendamenti del M5S prevedevano.
Ovvio comunque che le disposizioni della Legge di Stabilità devono essere messe in atto a partire dall’anno 2019, ed è chiaro che il Comune di Bronte adotterà quanto richiesto nel momento in cui la Regione fornirà i criteri e i requisiti necessari affinché venga attuato quanto richiesto”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 21/05/2018
Titolo IL COMUNE HA PATROCINATO LA TAPPA BRONTESE DI “OPEN! STUDI APERTI 2018”
Testo
BRONTE – (21 maggio 2018) – Un progetto sulla fruizione turistica del versante nord ovest dell’Etna, oppure uno che ridisegna gli spazi pubblici della Chiesa dell’Annunziata. Ed insieme a questi anche altri progetti, fra cui alcuni di ristrutturazione dei beni culturali di Bronte.   
E’ il contributo offerto dall’Associazione “Architetti ed Ingegneri dell’Etna” di Bronte presieduta dall’ing. Giuseppe Montagno allo sviluppo del territorio, che ha messo in mostra alcuni progetti di architetti ed ingegneri nella “tappa” brontese di “Open!Studiaperti2018”, la manifestazione indetta dai Consigli nazionali degli Ordini delle 2 categorie professionali volta ad aprire gli studi al pubblico.
Gli ingegneri e gli architetti nella centralissima piazza Rosario, infatti, hanno allestito uno stand e mostrato a tutti i visitatori il contributo che la professionalità acquisita nella progettazione e nel designer può garantire ad un territorio che ha patrimoni culturali ed ambientali da valorizzare.   
E l’evento, patrocinato dal Comune di Bronte, ha visto soprattutto tanti giovani professionisti esporre le proprie proposte progettuali per la riqualificazione del territorio e della città di Bronte.
Presente il vice sindaco di Bronte, Gaetano Messina, nelle vesti anche di ingegnere fondatore dell’Associazione brontese che riunisce i tecnici professionisti: “Un evento positivo – ha affermato Messina – per far conoscere le idee e le soluzioni proposte per il nostro territorio. Tutta l’Amministrazione comunale, sta profondendo il massimo impegno per raccogliere e mettere in atto le idee e le proposte progettuali utili al nostro territorio e nel contempo dare la speranza ai professionisti di poter esprimere idee e proposte per riqualificare il territorio”.
“Questo evento – ha aggiunto il presidente Montagno – vuole essere il nostro contributo per  lo sviluppo della Città e del nostro territorio, consci del fatto che ingegneri ed architetti svolgono un ruolo determinante e fondamentale nella programmazione e pianificazione di una Città o nella gestione del territorio. Per questo abbiamo deciso di dedicare questa giornata a disposizione della comunità”.
 “La qualità dei professionisti di Bronte è una grande risorsa per tutto il territorio. – ha concluso il sindaco, Graziano Calanna – Io ringrazio l’Associazione Architetti ed Ingegneri di Bronte che grazie ad “Open! Studi aperti 2018” ha messo in mostra come la loro professionalità sia utile per la crescita di una comunità”.
Ma vediamoli i progetti più importanti messi in mostra. Intano quello sulle “strutture ricettive e per l’accessibilità nel Parco dell’Etna”, che punta a vivere il Vulcano anche nelle quote più altre. Poi il “Ridisegno dello spazio pubblico della Chiesa Maria SS. Annunziata in Bronte”, che valorizza il sagrato e le aree adiacenti la chiesa in chiave architettonica contemporanea, prevedendo una nuova pavimentazione nella piazza dove è ridotto il traffico veicolare.
Particolare il progetto “Bronte”, che   rappresenta l’evoluzione urbanistica della Città e delle principali rilevanze antropiche e naturali presenti, attraverso una mappa della città nella  quale inserire in maniera semplice e intuitiva le bellezze del territorio. Infine la “Messa in sicurezza della Chiesa S. Maria del Rosario”, che consolida la struttura della chiesa.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 21/05/2018
Titolo BRONTE HA OSPITATO LA NAZIONALE AUSTRALIANA DI VOLLEY
Testo
BRONTE – (21 maggio 2018) – Adesso si che è possibile affermare che Bronte in Sicilia è certamente una capitale del Volley.
I successi sportivi dell’Usd Aquila Bronte, che milita nel campionato regionale di serie C e l’organizzazione della Società sportiva brontese sono stati premiati dalla visita ufficiale della nazionale maschile australiana di pallavolo.
Gli “Aussies”, infatti, dopo la duplice gara contro la Nazionale italiana è stata accolta nel palazzetto dello Sport di Bronte, applaudita da un caloroso pubblico che non ha risparmiato tifo ed applausi.
Ad accoglierli oltre all’Amministrazione comunale, guidata dal sindaco Graziano Calanna che ha donato agli ospiti una targa ricordo, ed allo staff tecnico dell’Usd Aquila Bronte, anche gli scolari degli Istituti di Bronte che con le coreografie rappresentate in occasione delle recenti olimpiadi studentesche hanno reso festosa la manifestazione.
Poi la presentazione dei campioni e l’emozionante esecuzione degli inni nazionali, australiano e italiano, entrambi applauditi ed ascoltati con solennità.
Presenti alla cerimonia diverse autorità e fra queste il comandante della locale Stazione carabinieri il luogotenente Giuseppe Amendolia ed i dirigenti scolastici. “Per noi – ha affermato il vice sindaco di Bronte Gaetano Messina, intervenuto assieme agli assessori Chetti Liuzzo e Vittorio Triscari - è un onore ospitare la nazionale australiana. Questo evento premia la tradizione pallavolista di Bronte che ormai da decenni è competitiva nei campionati nazionali. Inoltre per i nostri ragazzi conoscere personalmente campioni di questa levatura sarà sicuramente da stimolo per impegnarsi a fare meglio”.
“Siamo riusciti ad avere qui la nazionale australiana – ha affermato Franco Cartillone allenatore della squadra di Bronte  – grazie a tanti amici ed a “Dolci sapori dell’Etna” sponsor della Federazione Italiana Pallavolo. Questi sono atleti che schiacciano palloni alti anche 3 metri e mezzo e sono capaci di battute veloci anche 120 km l’ora. Questa giornata – ha concluso rimarrà nella storia della pallavolo brontese”.
Poi tanti autografici degli atleti a piccolo appassionati brontesi, prima del saluto finale.
All’ Usd Aquila Bronte i complimenti da parte del sindaco Graziano Calanna:  “Un vivo ringraziamento – ha affermato - agli atleti, ai dirigenti ed allo staff tecnico della nazionale australiana di volley per aver con la loro presenza dato pregio e valore alla storia ricca di successi della pallavolo brontese e dell’intero movimento sportivo che ruota attorno alla nostra Aquila Bronte”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 15/05/2018
Titolo REGOLE CERTE A BRONTE SULLA GESTIONE DEI RIFIUTI
Testo
BRONTE – (15 maggio 2018) – Il Comune di Bronte, attraverso una ordinanza del sindaco, Graziano Calanna, vara il vademecum sulla gestione dei rifiuti solidi urbani per garantire pulizia e decoro alla Città e stabilire in maniera chiara l’ammontare delle sanzioni a chi trasgredisce.
Chi viola l’ordinanza, infatti, rischia una sanzione pecuniaria che può arrivare anche a 500 euro.
“Sono già 4 mesi – ci dice il sindaco – che Bronte effettua un efficace servizio di raccolta differenziata grazie alla ditta, agli operatori e soprattutto ai cittadini che ringrazio. Adesso, nelle more dell’adozione dell’apposito regolamento, era necessario adottare e rendere pubblico un regolamento cui tutti dovranno attenersi, per mettere ordine alle modalità di conferimento dei rifiuti ed alla raccolta differenziata a tutela della salute pubblica e del decoro urbano”.
E le regole da rispettare sono 15. Ecco le più importanti. La prima regola, quella fondamentale ribadisce in maniera chiara che è vietato abbandonare i rifiuti. Poi a seguire che è vietato riporre nei cestini getta rifiuti delle strade rifiuti domestici o derivanti da attività commerciali o esporre i contenitori dei rifiuti davanti casa o davanti al negozio in estate dalle 9 del mattino fino alle 23 ed in inverno dalle 9 alle 21. In sintesi non si possono depositare i rifiuti davanti casa durante il giorni perché se gli operatori sono già passati la città rimane sporca.
Poi tutta una serie di divieti come imbrattare o affiggere manifesti sui contenitori per la raccolta dei rifiuti, intralciare o ritardare le operazioni degli addetti ai servizi di gestione dei rifiuti, conferire rifiuti diversi da quelli indicati nel contenitore, conferire rifiuti che possano costituire pericolo. E’ vietato bruciare qualsiasi tipo di rifiuto o danneggiare le strutture pubbliche per la gestione dei rifiuti. Inoltre se qualche veicolo dovesse perdere olio, il proprietario è tenuto alla pulizia del suolo.
Infine la sanzione per i trasgressori nel rispetto del codice per l’ambiente che, eventuale responsabilità penale a parte, può variare dai 25 ai 500 euro.
“La stragrande maggioranza dei miei concittadini queste regole le rispetta già. – conclude il sindaco – A mio avviso quando si varano regole certe e si fanno rispettare a tutti, si pongono le basi per far si che tutti le accettino. E questa Città crede e pretende la tutela della salute pubblica ed il rispetto del decoro urbano”.      
 
L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto
Data Comunicato 14/05/2018
Titolo STAGE FORMATIVO PER QUATTRO GIOVANI ARCHITETTI NEL COMUNE DI BRONTE
Testo BRONTE – (14 maggio 2018) – Quattro giovani architetti effettueranno per 6 mesi tirocinio formativo nell’Ufficio tecnico del Comune di Bronte, grazie ad un protocollo d’intesa siglato fra il Comune e l’Ordine degli Architetti.
Si tratta dei neo laureati Liliana Puglisi, Orazio Scalia, Valentina Prisco e Incognito Gisella, ricevuti dal sindaco Graziano Calanna alla presenza da capo dell’Ufficio tecnico ing. Salvatore Caudullo e dal geometra Nino Saitta.
“Questa Amministrazione – ha affermato il sindaco - crede nella formazione dei giovani professionisti. Operare in un Ufficio tecnico di un Comune come il nostro permetterà loro di affrontare diverse tematiche. Il territorio così si arricchirà di giovani professionisti preparati direttamente sul campo”.

L’Addetto stampa
Gaetano Guidotto